TV-Comics: Gotham

Ne sono state annunciate un fantatrillione, quindi direi che è l’ora di cominciare a parlare un po’ di serie tv fumettose.

Non avevo nessuna aspettativa su nessuna delle serie in uscita, dopo la delusione di Arrow (ne ho già parlato) e Agents of SHIELD (che dopo una prima puntata che mi ha suscitato interesse, mi è caduto nella mediocrità e nella noia assoluta). Ma sono piacevolmente più ottimista adesso, grazie al pilota di Flash che non mi è per nulla dispiaciuto, e soprattutto grazie a Gotham. Gotham-TV-Show-Fox-LogoSì, nonostante quel che si dica in giro, per me finora Gotham è una gioia da seguire. Mi piace come è scritto, mi piace il cast, mi piace come hanno riprodotto l’atmosfera gothamita, e adoro il fatto che nonostante in ogni episodio ci sia un caso diverso, si sviluppi in maniera continua la trama principale (ho una strana malattia: non riesco a seguire a lungo serie con troppa trama “episodica”).

screen-shot-2014-05-06-at-135633Qual è il fumetto con cui si deve paragonare questa storia, che si svolge prima che Batman sia Batman? Anno Uno! Il protagonista indiscusso è Jim Gordon, il Jim Gordon di Anno Uno: un poliziotto dal senso di giustizia utopico, che crede in un sistema che possa aggiustare la società e cerca il più possibile di non usare armi da fuoco. E, come in Anno Uno, si ritrova con la merda fino al collo, in mezzo alla corruzione ben radicata in ogni ramo di Gotham. Anche qui lo vediamo in perenne disaccordo con un capo ed un partner asserviti alla mafia, anche se qui al posto di Flass abbiamo una versione cinica e marcia del detective Bullock. Non a caso, quello che si presenta come il più influente dei cattivi fin dalla prima puntata è Carmine Falcone, gangster vicino alla visione romantica della mafia, in stile Padrino, e vero padrone/manipolatore del sistema politico/giudiziario della città.

carmine-falcone

Parliamo dei cattivi…Una delle critiche più frequenti è l’eccessiva presenza di villain storici, dalla breve e casuale comparsata (critica che avevo già sentito nei riguardi di Arkham City). Beh, sono abituato a storie di Batman piene di nemici con ruoli minimi (Il Lungo Halloween, per dire…), e da fanatico delle nemesi di Batman, vi dico che se in quel poco che compaiono mi ridanno l’essenza del loro personaggio, possono anche attaccare il Cavaliere Oscuro in 1000 alla volta. Tutti i cameo della prima puntata di Gotham mostrano dei villain fedeli agli originali, già avviati ai panni che vestiranno in futuro.

Gotham-Il-Pinguino

Abbiamo il Pinguino, emarginato per natura, distorto da un rancore che si scatena in incontrollati scoppi d’ira, dall’infida astuzia che usa per scalare la salita al potere e controbilanciare un complesso d’inferiorità.

gotham-poster-riddler-403x600

Abbiamo un Enigmista già ossessionato dal paragonare costantemente il proprio intelletto con gli altri, e da chiunque possa sminuirlo.

gotham-poster-poison-ivy-403x600

Una Poison Ivy, che non stupisce se in futuro si emarginerà dalla razza umana, e abbraccerà un altro Regno diverso da quello animale.

Catwoman-in-Gotham-TV-series

Dai primi annunci, ero parecchio stranito dalla Catwoman quindicenne… ma fin dalla prima apparizione, non poteva che affascinarmi (è la primissima cosa che vedrete…amatela!). E’ semplicemente Catwoman, chissenefrega se è una ragazzina. Nel secondo episodio le hanno trovato un giusto contesto, inserendola in una Gotham stracolma di minorenni abbandonati per strada ad una vita di delinquenza, e visti unicamente come rifiuti da smaltire dalle alte sfere.

gotham_posters_fish

Il cattivo più “fumettistico” risulta essere proprio quello creato per la serie. Non mi dispiacciono i dialoghi che la riguardano, ma Fish Mooney è una macchietta e per ora appare più di quanto non serva.

gotham-tv-show-what-s-up-with-alfred-pennyworth-sean-pertwee-s-alfred-pennyworth

Alfred, con una faccia più spaventosa di quella dei cattivi…

Molti hanno criticato Alfred…sì, nella prima puntata hanno forse sottolineato un po’ troppo il fare militaresco del maggiordomo, che sembra uno scaricatore di porto in alcune scenette. Ma nella seconda puntata migliora, e vediamo un uomo che si sente già incastrato nel ruolo di mentore di Batman, che spererebbe veder superare i traumi del passato ma che deve assecondare per una promessa fatta a Thomas Wayne. gotham-bruce-wayne-0714-dePerché sì, qui Bruce Wayne è già un piccolo Batman, divorato dal rancore, ossessionato dal controllo della paura e che già ha una mezza idea di cominciare una morbosa crociata al crimine. Inoltre, quest’interpretazione di Batman mi ha ufficialmente confermato una teoria che ho da un po’ di tempo: Batman ascolta DEATH METAL!

Parliamo anche di una cosetta che mi ha fatto storcere il naso: due spunti di trama per lasciare dei misteri irrisolti allo spettatore per le prossime puntate, ma che ho trovato stupidi. Il passato che Barbara Gordon tiene nascosto al compagno Jim (tra l’altro centra Renee Montoya, qui rapporto sessuale saffico ci cova…); e il mistero su chi sia l’assassino dei Wayne, che se il colpevole non è un criminale qualunque, dei tanti creati dalla corruzione di Gotham che scende dall’alto della piramide sociale, mi gireranno un po’ i Batarang.

591a98b0-1917-0132-0854-0eae5eefacd9

Ok, Gotham è andata. La prossima volta tocca a Flash, di cui voglio vedere qualcosina in più del pilota prima di esprimermi. Per ora nulla di eccezionale, ma promette qualcosa di carino. (Comunque, per quanto abbiano provato a mascherarlo, si capisce fin da quando lo si vede sulla sedia a rotelle chi è l’Anti-Flash).

"Corri, Barry! Corri!...che tanto la mammina è già morta..."

“Corri, Barry! Corri!… che tanto la mammina è già morta…”

Scritto da: L’Escapista

||||| 1 Mi Piace! |||||